Articoli in primo piano

Obbligazioni societarie dei Paesi Emergenti: spread allettanti rispetto ai Paesi sviluppati

Le obbligazioni societarie dei Paesi Emergenti (PE) sono un segmento in rapida ascesa del mercato a reddito fisso. Il mercato obbligazionario in valuta forte (USD, EUR, GBP e CHF) dei PE è raddoppiato dal 2010 e supera attualmente 1.300 miliardi di dollari, posizionandosi agli stessi livelli del mercato statunitense dell’alto rendimento. Includendo le obbligazioni in valuta locale, la Banca dei…

Leggi l'articolo

Articoli in primo piano

Viaggio di ricerca in Cina – Uno sguardo al mercato immobiliare e al settore bancario ombra del Paese

Si fa attualmente molto parlare del futuro dell’economia cinese. I pessimisti sono pronti a citare l’inevitabile collasso della bolla immobiliare alimentata dal debito. Secondo altri invece i timori sono eccessivi e, nonostante un rallentamento, la Cina resta la seconda economia mondiale e il suo tasso di crescita fortemente superiore a quanto visto nei Paesi sviluppati.

Di tanto in tanto ci …

Leggi l'articolo

Articoli in primo piano

“Riprendere il controllo delle finanze pubbliche”. Il rimborso dei prestiti di guerra mentre aumenta il debito britannico.

Come sapete, siamo sempre stati affascinati dai prestiti di guerra del Regno Unito, dedicando all’argomento numerosi articoli di questo blog (ecco cosa scrivevamo nel 2011, quando pensavamo che andassero rimborsati). Obbligazioni e guerra vanno a braccetto: per buona parte della storia l’aumento del debito pubblico è stato causato direttamente dai costi di finanziamento dei conflitti o delle ri…

Leggi l'articolo

Mini-bond: chi li compra?

Una delle tante conseguenze indesiderate dei tassi d’interesse strutturalmente bassi negli ultimi anni è stata la comparsa di mini-obbligazioni nel Regno Unito. In genere sono strumenti di debito non negoziabili, emessi dalle società direttamente a singoli investitori*. Abbiamo già parlato di un’obbligazione di questo tipo emessa da Chilango, una catena di ristoranti messicani presente a Londra…

Leggi l'articolo

Inflazione USA: il diavolo è nei dettagli

Negli Stati Uniti l’inflazione è sorprendentemente bassa da qualche mese, dopo il picco dello scorso maggio. Stando agli ultimi dati pubblicati in settembre, il CPI core (esclusi cioè alimentari ed energia) si attesta ad appena l’1,7%, soprattutto a causa del calo dei prezzi dei beni. Secondo l’US Bureau of Labor Statistics (BLS), il prezzo medio delle importazioni, eccettuato il carburante, no…

Leggi l'articolo

Chi ci guadagna se la BCE compra corporate bond? I Francesi

Con l’acquisto di €1,7 miliardi di covered bond, la settimana scorsa la Banca centrale europea (BCE) ha ufficialmente cominciato il “QE-lite” dell’eurozona. Se finora si era sempre parlato di covered bond e ABS, la settimana scorsa Reuters ha eccitato il mercato con un articolo su una possibile inclusione nel programma di obbligazioni societarie scambiate sul secondario. La notizia è stata subi…

Leggi l'articolo

Buon Halloween. È il momento giusto per qualche grafico spaventoso.

Halloween è alle porte e questo significa una cosa sola… tempo di grafici da paura. Ogni anno in questo periodo mettiamo in evidenza le variabili e le statistiche economiche che potrebbero far venire gli incubi ai banchieri centrali. Se i prestiti in sofferenza, le previsioni negative e i grandi numeri vi mettono i brividi, probabilmente è arrivato il momento di spegnere il computer e dimentica…

Leggi l'articolo
Gli spread dei titoli high yield statunitensi sono tornati ai livelli del 2013

Dieci buone ragioni per cui apprezzare oggi l’high yield statunitense

Le preoccupazioni relative alla crescita globale, i timori di una Fed meno accomodante e una liquidità limitata nel mercato high yield, assieme a un posizionamento eccessivamente sicuro e “affollato” da parte degli investitori, hanno condotto a un riprezzamento del mercato high yield statunitense negli ultimi mesi. In seguito ad una delle peggiori performance trimestrali da tre anni a questa pa…

Leggi l'articolo

Negli Stati Uniti il rapporto tra le richieste di sussidi di disoccupazione e la forza lavoro tocca i livelli minimi degli ultimi decenni

Lo scorso anno ho postato qui un articolo sullo stato del mercato del lavoro statunitense. Data la diffusione a settembre delle cifre relative alle richieste iniziali di sussidi di disoccupazione, penso sia giunto il momento di ritornare sull’argomento.

Le richieste iniziali di sussidi di disoccupazione statunitensi sono un indicatore che traccia il numero di persone che presentano per la prima…

Leggi l'articolo

Debito dei Paesi Emergenti: appunti dalla mia recente partecipazione agli incontri annuali del Fondo Monetario Internazionale

La scorsa settimana ho partecipato agli Incontri Annuali del Fondo Monetario Internazionale (FMI) a Washington D.C., dove ho avuto l’opportunità di prendere parte a una serie di riunioni molto interessanti con funzionari di governo e altri leader finanziari mondiali. In quasi tutte le discussioni si è parlato di come i Paesi emergenti stiano portando avanti il loro adeguamento a una nuova fase,…

Leggi l'articolo