Archivio mensile:

novembre 2015

Attenzione alle insidie che si annidano nel settore retail high yield USA

Il fatto che i settori legati alle materie prime, quali quello dell’estrazione di metalli e quello energetico, siano i sottosettori con i rendimenti più elevati e le performance peggiori dell’Indice high yield più ampio non sorprende. C’è un elevato livello di crediti in sofferenza in questi settori, che stanno risentendo dell’attuale contesto di prezzi delle commodity modesti. Di recente S&P h…

Leggi l'articolo

Rendimento senza rischio commodity: 4 modi in cui avere botte piena e moglie ubriaca nel mercato High Yield statunitense

In seguito all’ennesima ondata di vendite, il mercato high yield statunitense ha ancora una volta toccato oggi il livello di rendimento psicologicamente importante dell’8%*. Si tratta di un importante segnale di valutazione che negli ultimi mesi ha nuovamente attratto gli investitori verso il mercato. Tuttavia, l’ultimo movimento al rialzo dei rendimenti è stato determinato in parte da un rinno…

Leggi l'articolo

C’è ancora un eccesso di offerta nel mercato del lavoro statunitense?

Abbiamo parlato spesso su questo blog dell’attuale contrazione del mercato del lavoro statunitense; in particolare, il numero di richieste iniziali di sussidi di disoccupazione, come percentuale  della popolazione in età lavorativa, è ai minimi di sempre.  Anche la Fed ha prodotto di recente indicatori che raccontano una storia simile: se guardiamo alle statistiche non convenzionali, come il ta…

Leggi l'articolo

Colombia – A rischio di un declassamento del credito a BBB-

Nell’ambito del filone L’ABC del debito latinoamericano (gli articoli sull’Argentina e sul Brasile sono disponibili qui e qui)

Durante il mio viaggio recente in America Latina, è stato buffo (ma non sorprendente) sentire che la gente del posto teme che la Colombia diventi il prossimo Brasile. Da parte loro, i brasiliani sono preoccupati di diventare la prossima Argentina (anche se ritengo che i…

Leggi l'articolo

Video sul viaggio di ricerca a Chicago: Mercati del lavoro tesi e valutazioni obbligazionarie corporate come in tempi di crisi

Da qualche tempo ormai non postiamo un video di uno dei nostri viaggi di ricerca negli Stati Uniti. La domanda che ci ponevamo a marzo, circa l’eventualità di un aumento dei tassi di interesse da parte della Fed nel corso di quest’anno, non ha ancora ottenuto una risposta definitiva. Anche se un aumento nel 2015 non è completamente escluso, mancando solo due mesi alla fine dell’anno, sembra ora…

Leggi l'articolo

I dati reali: la curva di Phillips è viva e vegeta

Una delle prime regole dell’economia è che il prezzo di mercato di equilibrio è generato dal livello relativo di domanda e offerta. Un’offerta limitata o una domanda eccessiva dovrebbe produrre un incremento di prezzo. Uno dei dubbi emersi nel mondo post-crisi finanziaria è perché i salari non siano aumentati, nonostante il declino della disoccupazione verso livelli storicamente bassi. Consider…

Leggi l'articolo

Panoramic Outlook – Quasi-sovrani nei mercati emergenti, di Charles De Quinsonas

È stato un anno piuttosto movimentato per i mercati emergenti. Il calo dei prezzi del petrolio e delle commodity, la prospettiva di tassi d’interesse più alti negli Stati Uniti, lo scandalo di corruzione in Brasile e, ovviamente, la frenata della crescita in Cina sono tutti eventi che hanno contribuito alla maggiore incertezza riguardo all’asset class. Naturalmente questo clima incerto ha incis…

Leggi l'articolo