Archivio della categoria:

Banche

Le conseguenze indesiderate di un mondo di tassi negativi, parte seconda Aggiornamento

All’inizio di aprile ho scritto un articolo su alcune delle conseguenze indesiderate dei tassi d’interesse negativi stabiliti dalle banche centrali. Avevo anche promesso che avrei aggiornato il blog qualora avessi individuato implicazioni più interessanti, chiedendo ai lettori stessi di contribuire con alcuni esempi.  Grazie a coloro che mi hanno contattato.  Ecco dunque altre cose interessanti…

Leggi l'articolo

La BCE potrebbe ridurre i tassi, ma la Svizzera non dovrebbe fare altrettanto

Ci sono forti aspettative che il presidente della Banca Centrale Europea (BCE) Mario Draghi annunci ulteriori misure di espansione durante la prossima riunione sulla politica monetaria, che si terrà giovedì di questa settimana. Se la BCE deciderà di adottare nuove misure di stimolo tramite un allentamento quantitativo esteso (o allargato) e/o di ridurre ulteriormente il suo tasso di deposito ne…

Leggi l'articolo

Le banche stanno oliando gli ingranaggi con liquidità

Nell’attuale contesto di depressione petrolifera è fondamentale che le compagnie statunitensi high yield nel settore energetico dispongano di sufficiente liquidità finanziaria (liquidità, credito bancario, etc) per poter adempiere ai loro obblighi, man mano che i loro profitti cominciano a risentire del basso costo del petrolio. Mantenere adeguati livelli di liquidità fino a quando il petrolio …

Leggi l'articolo

Il dibattito sullo “zero bound”: i tassi negativi equivalgono a una contrazione della politica?

I post recenti di Matt e James hanno messo in luce alcuni problemi con cui i mercati devono fare i conti quando i tassi diventano così negativi. Ovviamente non si tratta più di un dibattito solo teorico, dato che ha implicazioni reali per gli investimenti. Perché gli investitori accettano tassi inferiori allo zero quando potrebbero detenere liquidità?

Per riassumere usando il franco svizzero co…

Leggi l'articolo

Il mercato obbligazionario corporate della Cina – un video

Un paio di settimane fa mi sono recato a Hong Kong per poter conoscere più a fondo il mercato obbligazionario societario della Cina.  Si tratta di un mercato enorme e in crescita rapida,  di cui sono note le numerose problematiche, quali il forte peso del settore immobiliare, la mancanza di informazioni sugli emittenti (i rating sono solitamente assegnati da agenzie di rating interne) e, aspett…

Leggi l'articolo

UKAR: la più grande società di prestiti ipotecari di cui non avete mai sentito parlare

U.K. Asset Resolution (UKAR) è nata verso la fine del 2010 come società holding di Bradford & Bingley (B&B) ed era la porzione di Northern Rock destinata a rimanere di proprietà pubblica (NRAM).  Contrariamente ad altri istituti salvati, come RBS e Lloyds, i cui progressi sono stati molto seguiti dai media, per qualche motivo UKAR è rimasta più nell’ombra. Per dare una misura di questo salvatag…

Leggi l'articolo

Una nuova fonte di offerta sul mercato ABS

Una delle caratteristiche del mercato dei titoli garantiti da attività (ABS) quest’anno è stato il basso livello di emissioni primarie. Questo fattore, insieme al crescente favore conquistato dall’asset class e dal maggiore appetito per il rischio/rendimento, ha provocato una contrazione degli spread.

Ci sono state operazioni nuove, ma a dieci mesi dall’inizio dell’anno, il volume di nuove emi…

Leggi l'articolo

Il Funding for Lending Scheme ha sortito l’effetto desiderato?

L’espansione del Funding for Lending Scheme (FLS), il piano prestiti della Banca d’Inghilterra e del Tesoro britannico, ha fatto notizia la settimana scorsa. L’FLS è stato lanciato a luglio 2012 con l’intento di dare impulso ai finanziamenti nell’economia reale (settori non finanziari). In base al piano una banca o un istituto di credito fondiario prende a prestito Titoli di Stato inglesi dando…

Leggi l'articolo
Pubblicato nella categoria Banche

Pagare “alla Romana” – la nazionalizzazione della SNS

Lo scoppio e gli effetti della crisi finanziaria sono da parecchi anni temi centrali dei nostri blog. Tuttavia, dopo più di 5 anni di crisi, persino noi siamo sorpresi. In mancanza di capitali dal settore privato, venerdì il governo olandese ha deciso di nazionalizzare l’istituto di credito SNS al fine di garantire la stabilità del sistema finanziario nazionale.

Questa manovra prevede la confis…

Leggi l'articolo

Contingent Capital Notes: il miglior amico dell’Equity bancario?

Come investitori, passiamo gran parte del tempo a valutare il rischio e, sempre di più, l’opzionalità. Abbiamo sempre dovuto calcolare l’opzionalità intrinseca di determinati bond. Ad esempio, qual è la probabilità che l’emittente eserciti un’opzione di acquisto. O quella di un rifinanziamento anticipato, o magari di un cambio di controllo. Tutte queste possibilità rappresentano al contempo ris…

Leggi l'articolo