Archivio della categoria:

rating

I mercati del debito e le agenzie di rating stanno dando troppo credito alle fusioni e acquisizioni?

Ospitiamo un contributo di Simon Duff (analista nel team di Analisi del credito di M&G)

La settimana scorsa la rete televisiva internazionale Discovery Communications ha annunciato l’acquisizione di Scripps Networks per 15 miliardi di dollari USA. Scripps possiede canali dedicati alla cucina, alla casa e ai viaggi, pertanto si inserisce nella tipologia di canali fattuali, o “non finzionali”, ch…

Leggi l'articolo

Il costo della qualità: differenziali di spread tra fasce di rating di credito nel segmento investment grade

Nel corso dello scorso anno abbiamo scritto numerosi articoli relativi agli spread di credito investment grade (IG). Oggi analizzerò l’universo IG ancora più a fondo e darò un’occhiata agli spread di qualità, ovvero il premio di rischio aggiuntivo che gli investitori possono guadagnare nel passare da una fascia di rating di credito a quella appena inferiore.

Il grafico seguente mostra l’evoluzi…

Leggi l'articolo

Le banche stanno oliando gli ingranaggi con liquidità

Nell’attuale contesto di depressione petrolifera è fondamentale che le compagnie statunitensi high yield nel settore energetico dispongano di sufficiente liquidità finanziaria (liquidità, credito bancario, etc) per poter adempiere ai loro obblighi, man mano che i loro profitti cominciano a risentire del basso costo del petrolio. Mantenere adeguati livelli di liquidità fino a quando il petrolio …

Leggi l'articolo

Heinz: Buffett, fagioli e lo “spirito animale”

Dopo anni di inattività, le operazioni di acquisizione sono riprese alla grande grazie a solidi bilanci aziendali e bassi costi di finanziamento. Il “deal” più importante di quest’anno è la cessione di H.J.Heinz a 3G Capital e Berkshire Hathaway. Heinz è esattamente il tipo di impresa che piace a Warren Buffett, Presidente e CEO di Berkshire Hathaway: crescita redditizia, un brand ben riconosci…

Leggi l'articolo

6 gradi di separazione, 5 modi per acquisire nuovi abbonati – il consolidamento del settore delle telecomunicazioni via cavo

Sabato scorso sono riuscito a far installare a casa mia una connessione internet a banda larga, la TV di Sky e una linea telefonica. Ero piuttosto soddisfatto di me stesso per questo nuovo pacchetto, almeno fino a questa mattina, quando ho parlato con il nostro analista specializzato nei media e nelle telecomunicazioni di alcuni recenti sviluppi in questo settore. Poi mi sono sentito come una s…

Leggi l'articolo

Il Sudafrica verso il rating ”spazzatura”: una notizia importante per chi investe nel debito emergente!

I preoccupanti sviluppi degli ultimi mesi in Sudafrica hanno attirato l’attenzione di agenzie di rating e mercati (v. primo grafico). Il Sudafrica è uno dei pochissimi Paesi emergenti il cui merito di credito sta peggiorando; ufficialmente, rientra ancora nella categoria investment grade, ma a nostro parere dovrebbe essere declassato a junk bond – e le valutazioni non ne tengono conto. Consider…

Leggi l'articolo

Le delizie dei Fallen Angels – i rendimenti delle società declassate a “junk”

Qualche mese fa Stefan ha scritto circa la possibilità che le revisioni al ribasso dei rating sovrani possano spingere importanti società europee in territorio high yield trasformandole in fallen angels, cioè emittenti il cui rating è stato declassato da investment grade a high yield. Un fenomeno di cui si è occupato di recente anche il Financial Times. Il grafico seguente illustra quanto il ra…

Leggi l'articolo
Pubblicato nella categoria rating

Il deficit delle partite correnti del Regno Unito è sempre piu grande. Gli ultimi dati sono pessimi: è il momento di ridurre l’esposizione alla sterlina?

Gli ultimi dati sull’andamento dell’economia britannica non sono così male: l’andamento del PIL nel secondo trimestre è meno peggio del previsto (-0,4% a fronte del -0,5% atteso), e se si  esclude il settore immobiliare ancora debole, l’economia del Paese continua a crescere a un passo ragionevole, (anche se ancora sotto trend).

Ma fra le notizie di oggi c’è anche il significativo deteriorament…

Leggi l'articolo

Debito high yield e mercato azionario: sempre più lontani

Le azioni e le obbligazioni high yield sono sempre state considerate due asset class strettamente correlate in termini di rendimenti – e prima del 2008, in effetti, era così. Dopo il crollo di Lehman Brothers, però, abbiamo assistito a una trasformazione strutturale che impone una valutazione più attenta del rapporto fra mercato azionario e fixed income. Un aspetto già analizzato in modo più ap…

Leggi l'articolo

Rischio di downgrade di massa per le obbligazioni corporate di Italia e Spagna

Nel ’98 Bon Jovi cantava “If you’re ugly, I’m ugly too..”, e oggi mi viene in mente questa canzone quando penso alla price action sulle obbligazioni corporate spagnole e italiane.

È stata riservata grande attenzione ai rendimenti dei titoli di Stato italiani e spagnoli – con le obbligazioni a dieci anni oggi rispettivamente intorno al 5,77% e 6,48%* – ma anche le loro emittenti corporate non fi…

Leggi l'articolo