Archivio della categoria:

Tassi di interesse

Attenzione al divario: cosa significano tassi di recupero ai minimi record per gli investitori high yield

Per poter stabilire il valore dei mercati del credito, gli investitori in obbligazioni avanzano normalmente alcune ipotesi circa il percorso futuro dei tassi di default societari. Quest’ipotesi deriva generalmente da previsioni macroeconomiche (crescita forte/debole = tassi di default modesti/elevati) o da eventi specifici al settore (come i movimenti dei prezzi petroliferi). In base a questi e…

Leggi l'articolo

Brexit: Chi vince e chi perde nello spazio high yield in sterline

Si è scritto molto sull’impatto che il risultato referendario ha avuto sui gilt, la sterlina e i mercati azionari. Nei mercati obbligazionari high yield in sterline, abbiamo visto alcune rivalutazioni con il mercato in ribasso del 2% in termini di prezzo a partire dal voto. A mio avviso, si tratta di una reazione piuttosto blanda se si considera che il FTSE 250 ha ceduto  circa il 10% nello ste…

Leggi l'articolo

La reazione del mercato obbligazionario alla Brexit

Il Regno Unito ha scelto di uscire dall’UE.  Stiamo osservando movimenti significativi degli asset a reddito fisso nelle prime ore di stamattina, dato che i mercati finanziari avevano scontato in larga misura un risultato “Bremain”, in linea con gli ultimi sondaggi di opinione e in particolare con il settore delle scommesse, che aveva indicato come nettamente favorito un esito pro-permanenza.  …

Leggi l'articolo

Le conseguenze indesiderate di un mondo di tassi negativi, parte seconda Aggiornamento

All’inizio di aprile ho scritto un articolo su alcune delle conseguenze indesiderate dei tassi d’interesse negativi stabiliti dalle banche centrali. Avevo anche promesso che avrei aggiornato il blog qualora avessi individuato implicazioni più interessanti, chiedendo ai lettori stessi di contribuire con alcuni esempi.  Grazie a coloro che mi hanno contattato.  Ecco dunque altre cose interessanti…

Leggi l'articolo

Le banconote da 500 euro saranno scambiate a un premio o a uno sconto quando la BCE smetterà di stamparle? Sono arrivati i risultati del sondaggio…

All’inizio di questa settimana, Richard Woolnough ha scritto un post riguardo ai tassi negativi e alla tassazione degli interessi (che potete leggere qui). In quell’articolo suggeriva anche che, quando la Bce smetterà di stampare le banconote da 500 euro e di distribuire quelle esistenti alla fine del 2018, le banconote in circolazione saranno scambiate a un premio. Secondo la sua tesi, dato ch…

Leggi l'articolo

Tassi negativi, una tassa sul risparmio? Non dimentichiamo le tasse vere e proprie

Di recente si è molto parlato di come, introducendo tassi negativi, le banche centrali stiano di fatto tassando i risparmi. Ciò si spiega da sé e rappresenta una delle critiche di come i tassi negativi possano distorcere il comportamento economico. Non si tratta tuttavia di un fenomeno recente.  Non dimentichiamoci che il denaro è sempre stato essenzialmente penalizzato dal nemico tradizionale …

Leggi l'articolo

Mondo di tassi negativi: una wiki delle conseguenze indesiderate

Il mondo ha già visto tassi d’interesse negativi in passato: la Svizzera ha adottato tassi inferiori allo zero per gli stranieri negli anni Settanta, al fine di rallentare i flussi verso il franco.  Oggi però, l’ambiente di tassi negativi è molto più esteso e va dalla Svizzera alla Danimarca, dalla Svezia al Giappone passando per l’Eurozona.  Molto è stato scritto sui meccanismi di trasmissione…

Leggi l'articolo
La stretta sulle rimesse verso l'America Centrale: chi perderebbe di più con Trump presidente?

La stretta sulle rimesse verso l’America Centrale: chi perderebbe di più con Trump presidente?

La campagna elettorale statunitense finora ha sorpreso tutti. Il candidato Donald Trump si è impegnato a espellere tutti gli 11 milioni di immigrati clandestini che attualmente vivono negli Stati Uniti. Inoltre, ha dichiarato che confischerebbe tutti gli importi delle rimesse derivanti da retribuzioni illegali. Abbiamo già scritto in passato di come l’area dell’America Centrale e Caraibi trarre…

Leggi l'articolo

Tre motivi per cui il Regno Unito non aumenterà i tassi di qui a breve

Dopo il recente aumento dei tassi d’interesse con voto unanime da parte della Fed, mi sono chiesta se il Regno Unito vedrà una mossa analoga in tempi brevi. Il mercato sembra convinto di no e sconta il primo ritocco dei tassi britannici nel primo trimestre del 2017, a fronte di altri due rialzi dei tassi USA nel corso del 2016. A prima vista, questa enorme differenza sembra strana: entrambi i P…

Leggi l'articolo
Il ritardo della politica monetaria

Previsioni sul rialzo dei tassi USA

Il grafico che segue illustra l’andamento della disoccupazione negli Stati Uniti e quello dei tassi della Fed nell’arco di 45 anni. Si nota subito la relazione tra i due elementi, in particolare il ritardo con cui l’aumento dell’occupazione segue storicamente i rialzi dei tassi. Questa volta la banca centrale USA ha rimandato l’inasprimento monetario per una serie di motivi, tuttavia, ipotizzan…

Leggi l'articolo