Archivio tag:

USA

Base cross currency: che cos’è? E che implicazioni ha?

Alla fine dell’anno scorso, un’impennata della base cross currency per le valute principali contro il dollaro ha richiamato l’attenzione dei mercati nel mese di dicembre. Ma che cos’è la base cross currency (“la base”)?

Facciamo l’esempio di una società europea che prende un prestito di un anno da una banca locale nazionale per finanziare le proprie attività all’estero negli Stati Uniti. Per c…

Leggi l'articolo
Pubblicato nella categoria Valute

Messico: breve panoramica su elezioni, inflazione, Banca del Messico, NAFTA e benzina

Sono appena tornato da un affascinante viaggio di studio a Città del Messico, dove ho incontrato autorità, banchieri, politici, analisti, rappresentanti di fondi pensione ed enti normativi. Come molte economie dei Paesi emergenti, negli ultimi due anni circa anche quella messicana ha patito le conseguenze dei prezzi delle commodity più bassi e della scarsa domanda globale di beni. Per il Messic…

Leggi l'articolo
La stretta sulle rimesse verso l'America Centrale: chi perderebbe di più con Trump presidente?

La stretta sulle rimesse verso l’America Centrale: chi perderebbe di più con Trump presidente?

La campagna elettorale statunitense finora ha sorpreso tutti. Il candidato Donald Trump si è impegnato a espellere tutti gli 11 milioni di immigrati clandestini che attualmente vivono negli Stati Uniti. Inoltre, ha dichiarato che confischerebbe tutti gli importi delle rimesse derivanti da retribuzioni illegali. Abbiamo già scritto in passato di come l’area dell’America Centrale e Caraibi trarre…

Leggi l'articolo

Attenzione alle insidie che si annidano nel settore retail high yield USA

Il fatto che i settori legati alle materie prime, quali quello dell’estrazione di metalli e quello energetico, siano i sottosettori con i rendimenti più elevati e le performance peggiori dell’Indice high yield più ampio non sorprende. C’è un elevato livello di crediti in sofferenza in questi settori, che stanno risentendo dell’attuale contesto di prezzi delle commodity modesti. Di recente S&P h…

Leggi l'articolo

Video sul viaggio di ricerca a Chicago: Mercati del lavoro tesi e valutazioni obbligazionarie corporate come in tempi di crisi

Da qualche tempo ormai non postiamo un video di uno dei nostri viaggi di ricerca negli Stati Uniti. La domanda che ci ponevamo a marzo, circa l’eventualità di un aumento dei tassi di interesse da parte della Fed nel corso di quest’anno, non ha ancora ottenuto una risposta definitiva. Anche se un aumento nel 2015 non è completamente escluso, mancando solo due mesi alla fine dell’anno, sembra ora…

Leggi l'articolo

I dati reali: la curva di Phillips è viva e vegeta

Una delle prime regole dell’economia è che il prezzo di mercato di equilibrio è generato dal livello relativo di domanda e offerta. Un’offerta limitata o una domanda eccessiva dovrebbe produrre un incremento di prezzo. Uno dei dubbi emersi nel mondo post-crisi finanziaria è perché i salari non siano aumentati, nonostante il declino della disoccupazione verso livelli storicamente bassi. Consider…

Leggi l'articolo
Obbligazioni IG EUR non finanziarie emesse nel 2015

Arrivano gli yankee: la corsa delle società statunitensi al mercato delle obbligazioni societarie in euro

I cosiddetti “reverse yankee”, ossia i titoli obbligazionari emessi da soggetti statunitensi in valute diverse dal dollaro USA, sono diventati parte integrante dell’universo globale delle obbligazioni societarie investment grade (IG), in particolare nello spazio IG europeo. Per i tesorieri delle aziende USA, l’emissione di reverse yankee denominati in euro offre diversi vantaggi.

  1. Nel caso di s…

Leggi l'articolo
Pubblicato nella categoria Credito
Il ritardo della politica monetaria

Previsioni sul rialzo dei tassi USA

Il grafico che segue illustra l’andamento della disoccupazione negli Stati Uniti e quello dei tassi della Fed nell’arco di 45 anni. Si nota subito la relazione tra i due elementi, in particolare il ritardo con cui l’aumento dell’occupazione segue storicamente i rialzi dei tassi. Questa volta la banca centrale USA ha rimandato l’inasprimento monetario per una serie di motivi, tuttavia, ipotizzan…

Leggi l'articolo

Il miglioramento del mercato del lavoro statunitense è quantitativamente enorme, ma qualitativamente mediocre

La situazione del mercato del lavoro negli Stati Uniti è uno degli argomenti scottanti nel dibattito in corso sul rialzo dei tassi da parte della Fed (“lo faranno/non lo faranno”), e come mostra l’indice delle Sorprese economiche di Bloomberg, questo settore è l’unica area dell’economia che ultimamente va meglio del previsto.

Gli indicatori del mercato del lavoro continuano a sorprendere in po…

Leggi l'articolo
Pubblicato nella categoria Paesi

Il tasso di disoccupazione in calo negli Stati Uniti potrebbe favorire alcuni mercati emergenti

La disoccupazione in declino negli Stati Uniti ha riacceso il dibattito sui tempi e il ritmo della contrazione monetaria da parte della Fed. Mentre finora le pressioni salariali sono state deboli, sta aumentando il rischio che un’ulteriore diminuzione dei disoccupati porti il tasso al di sotto dei livelli non inflativi (NAIRU) spingendo la Fed ad avviare il ciclo di rialzi.

Per i mercati emerge…

Leggi l'articolo