Viaggio di ricerca in Cina – Uno sguardo al mercato immobiliare e al settore bancario ombra del Paese

Si fa attualmente molto parlare del futuro dell’economia cinese. I pessimisti sono pronti a citare l’inevitabile collasso della bolla immobiliare alimentata dal debito. Secondo altri invece i timori sono eccessivi e, nonostante un rallentamento, la Cina resta la seconda economia mondiale e il suo tasso di crescita fortemente superiore a quanto visto nei Paesi sviluppati.

Di tanto in tanto ci rechiamo in Cina per cercare di capire noi stessi cosa potrebbe avere in serbo il futuro. La Cina rappresenta una fetta talmente importante dell’economia globale che è cruciale, per chi investe in mercati obbligazionari,comprendere i fondamentali alla base della sua economia.

Il nostro ultimo video sulla Cina mette in luce le differenze tra sistemi bancari di Stati Uniti e Cina e quello che la classe politica occidentale può apprendere dalle autorità cinesi. Più di recente, Matthew Russell (gestore di M&G) ed io ci siamo recati in viaggio di ricerca a Pechino, per approfondire le nostre conoscenze sull’attuale stato dell’economia cinese. In particolare, volevamo osservare più da vicino due aree spesso considerate come potenzialmente problematiche: il mercato immobiliare della Cina e il suo settore bancario ombra. Abbiamo realizzato un video per condividere le nostre considerazioni su queste tematiche e su argomenti correlati.

Il video è in lingua inglese.

 

Il valore degli investimenti è destinato a oscillare, determinando movimenti al rialzo o al ribasso dei prezzi dei Fondi, pertanto è possibile che non si riesca a recuperare l'importo originariamente investito.

Tagged:

Discuti l'articolo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati (*)
M&G userà i dati personali raccolti esclusivamente per finalità amministrative. Potremmo divulgare le suddette informazioni ai nostri fornitori di servizi e alle autorità competenti. I vostri dati personali potrebbero essere archiviati al di fuori dell'Area economica europea (AEE). La riservatezza di tali dati sarà costantemente tutelata.