ARTICOLI IN PRIMO PIANO

Century bond argentino: molto rumore per nulla

I tempi e la scadenza della recente emissione di century bond da parte del governo argentino hanno colto di sorpresa i mercati. Le obbligazioni centenarie nei mercati emergenti sono rare (la tabella seguente è piuttosto esaustiva) e tendono quindi a conquistare le prima pagine dei giornali, soprattutto quando ad emetterle è un paese che ha fatto default molte (molte) volte, come l’Argentina.

I…

Leggi l'articolo

L’euro e il dollaro: i tassi non influiscono sulla performance. E allora cosa influisce?

Nonostante i rialzi dei tassi USA a dicembre, marzo e di nuovo la scorsa settimana, il dollaro USA si è deprezzato, ritornando ai livelli pre-elezioni. Tutto il premio sul dollaro trainato dalla “Trumpflation” è svanito. E mentre l’ottimismo sul dollaro veniva meno, l’euro guadagnava terreno. È aumentato l’ottimismo sulla ripresa della crescita nell’eurozona, fino alla riunione della BCE all’in…

Leggi l'articolo

Otto punti sul caso Banco Popular

  1. La BCE può agire rapidamente per stabilire se una banca abbia raggiunto il punto di insostenibilità economica (PONV) e, al bisogno, adottare un piano di risoluzione. Il pronto intervento dell’autorità ha colto chiaramente di sorpresa il mercato. Contestualmente, il modo in cui l’ente regolatore determina lo stato di insostenibilità di una banca è ancora un’area grigia (considerata la situazion…
Leggi l'articolo

Obbligazioni di società a controllo statale: la garanzia implicita non esiste

Qualche settimana fa International Bank of Azerbaijan (IBA), istituto bancario controllato dallo Stato, ha scioccato gli obbligazionisti annunciando una ristrutturazione a sorpresa. Il coefficiente patrimoniale della banca era diventato negativo alla fine del 2016, a causa delle pesanti perdite valutarie dovute al deprezzamento del manat azero (AZN). Le obbligazioni di International Bank of Aze…

Leggi l'articolo

Il risultato delle elezioni britanniche crea nuove incertezze per i mercati

Il Regno Unito ha un parlamento “appeso”, dopo che il partito Conservatore di Theresa May ha perso terreno e probabilmente non raggiungerà la maggioranza per 8 seggi. A quanto pare, i giovani sono andati a votare in massa, scegliendo per lo più il partito Laburista di Jeremy Corbyn. I Tory restano comunque il partito più forte e, con ogni probabilità, formeranno un nuovo governo insieme ai cons…

Leggi l'articolo
Pubblicato nella categoria Brexit

I calciatori della Premier League prendono posizione sui cambi valutari, come i rapper e le modelle nel 2007. Fanno bene a evitare la sterlina?

Secondo alcuni rapporti recenti, gli stranieri di punta della Premier League inglese chiedono di essere pagati in euro e non in sterline. Dal giorno in cui è stato reso noto il risultato del referendum britannico di giugno 2016, la sterlina ha perso il 12% contro l’euro, quindi non sorprende che alcuni giocatori vogliano ridiscutere la valuta del loro stipendio. Non è la prima volta che persona…

Leggi l'articolo